MOSCATO TRANI CARATTERISTICHE - ESTASI

Vai ai contenuti

Menu principale:

MOSCATO TRANI CARATTERISTICHE

© azienda agricola franco di filippo                                                    STORIA                 INSPIRAZIONE                       RICONOSCIMENTI                       RASSEGNA STAMPA                    CONTATTI



       

                     ESTASI
            MOSCATO DI TRANI

_________________________________
          
           ESTASI IN ARMONIA
   SPUMANTE METODO  CLASSICO

_________________________________

         ESTASI IN SINFONIA
    SPUMANTE METODO CLASSICO

_________________________________

 TECNICA E FASI DIAPPASSIMENTO
_________________________________

                    VIGNA



 



CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

Il vino è visto limpido , di un magnifico colore giallo dorato e di notevole consistenza, visibilmente ricco di alcol e glicerina evidenti alla rotazione del vino nel calice.
Infatti si nota l’importante consistenza del vino che si adagia velocemente, mentre gli archetti si mostrano corposi, ravvicinati e lenti nella loro discesa, aderendo alle pareti nel secondo anello con una pioggia di lacrime di notevole corposità e spessore, anticipando una chiara indicazione di una ricca quanto importante morbidezza all’esame gusto-olfattivo.
Al naso si propone di grande intensità ed eleganza, con una presenza di profumi molto complessa, con una chiara aromaticità primaria, dovuta al caratteristico profumo dell’uva moscato; si avvertono altresì importanti note mielose e burrose, con forte presenza di sentori di confettura di frutta gialla (albicocca, pesca, ecc.) oltre ai profumi di fiori gialli e fortemente odorosi, come, acacia, tiglio, ginestra, per passare ai fiori secchi, con rosa appassita in particolare, fino ad allargarsi poi a piacevoli sentori di frutta tropicale, dall’ananas al mango, alla papaia, fino ad aprirsi ad eleganti e pulite note saline agrumate, ad aromi speziati di vaniglia, anice stellato, cioccolato bianco, con un leggero e piacevole finale di mandorla.  
CONTINUA


ABBINAMENTI GASTRONOMICI        TECNICHE DI PRODUZIONE


 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu